Tom Hiddleston – un dio tra gli uomini? – by ELLE UK

Nella Top List di Hollywood, scrittore per ELLE, fenomeno Youtube – lo stato di culto di Tom Hiddleston è evidente su ogni social. E, come ha scoperto Annabel Brog di ELLE, non ha paura di rivelare, beh, tutto – foto di Mari Sarai

Quando l’editore capo di ELLE Lorraine Candy era a Wimbledon l’anno scorso, ha mandato un tweet ingenuo: “Mi sono seduta accanto all’attore Tom Hiddleston e alla sua ragazza Jane. E’ un uomo molto divertente”. Non è mai stata trollata tanto come allora. Tenete presente che stiamo parlando di una madre nonché editrice di un fashion magazine, il che la pone in alto nella scala demografica. Le repliche al suo tweet viravano tra furia indignata per aver affermato che Hiddleston *era con la sua ragazza*, e espressioni assetate di sangue e invidiose in quanto aveva parlato con lui.

Tom Hiddleston ispira fervore nei suoi fans. E’ un attore straordinario che si è guadagnato larga popolarità – tra i suoi ruoli ricordiamo l’incapace principe Hal ne The Hollow Crown della BBC; il dolce e sventurato Capitano Nicholls nel War Horse di Spielberg; e attualmente l’insanguinato guerriero Coriolanus in scena al Donmar Warehouse – ma è il ruolo del pallido, sociopatico dio degli inganni Loki nei film Thor e The Avengers che lo ha catapultato nella stratosfera. Per contestualizzare: Hiddleston ha recentemente donato un paio di Converse autografate ad un’asta di beneficenza (la Small Steps), accanto a persone come Mick Jagger e Kate Moss. Le sue scarpe sono state vendute per 4.500 sterline (più di chiunque altro). E’ molto grato per l’interesse, ma al contempo la fama lo mette a disagio. “Se mi piace? E’ in un certo senso irrilevante, una strana conseguenza delle cose che ho fatto. Non so dirle quanto la cosa mi sorprenda. Penso *davvero? DAVVERO?* Cerco di non pensarci troppo”.

elleuk2
Siamo accoccolati sotto un calorifero in un pub nella zona nord-ovest di Londra in una fredda serata di dicembre. Hiddleston beve whiskey, che fa parte della mia astuta strategia di farlo crollare – mi ha sempre dato l’impressione di essere molto preparato durante le interviste – ma non funziona. Dopo 5 bicchieri, ha ancora tutto sotto controllo.
Ciononostante, è adorabile: brillante (ha frequentato Eton e poi Cambridge, dove si è guadagnato la lode), coscienzioso (“Lo so. Mi spiace, non posso farci nulla.”), cortese e vecchio-stile. In parte perché possiede questa bellezza classica, in parte per le sue buone maniere, e in parte per il modo in cui costruisce le frasi.
Descrivendo il suo libro preferito, Ogni Cuore Umano di William Boyd, per esempio, dice “Come tutte le vite, contiene moltitudini”; oppure, parlando dell’aprirsi a persone nuove, “Temo di essere inizialmente piuttosto riservato”. Quando è sicuro dell’argomento – parlando di lavoro, famiglia, cultura – è eloquente e risoluto. Quando è meno certo – tipicamente parlando di se stesso – la sua voce aumenta leggermente di tono, come formulando una domanda casuale: “Sono un solitario [ma] non penso sia una cosa buona, penso di stare meglio in compagnia?” Oppure: “So che c’è un limite al pensiero, il che è potenzialmente non buono?”.
Tom William Hiddleston ha 33 anni (li avrà il 9 febbraio, per essere precisi), figlio di mezzo con una sorella di 15 mesi più vecchia e un’altra di 5 anni più giovane. La sua infanzia sembra un posto piacevole e semplice. “Ho ricordi di me che mi arrampico sugli alberi e guardo The Snowman (film natalizio per bambini ndt), con David Bowie che fa l’introduzione indossando la sua sciarpa”. Ride. “Quando ho imparato chi era davvero David Bowie, dicevo ‘Quello è l’uomo di The Snowman’. E la gente mi diceva: ‘Non ripeterlo mai più. Quello è Ziggy Stardust. Stai zitto!'”.
I suoi genitori sono incredibilmente (come incredibilmente? credo sia più che comprensibile che siano orgogliosi di lui?!? ndt) orgogliosi di lui: “Ci è voluto un po’ per arrivarci. E una di quelle conversazioni che non ho avuto con loro, semplicemente so che lo sono [orgogliosi]. Se noi [lui e sua madre] iniziassimo a parlarne, inizieremmo entrambi a piangere. E’ commovente sapere che tua madre è orgogliosa di te”.
Crescere circondato da donne ha avuto un effetto magnifico sulla sua visione del sesso femminile. “Credo nella forza e intelligenza e sensibilità delle donne. Mia madre e le mie sorelle sono forti. Mia madre è una donna forte e la amo per questo”. E’ anche – Dio sia lodato per gli uomini come Hiddleston – molto romantico. Quando gli domando di amore e relazioni, dice semplicemente, “L’onestà è un dono – bisogna essere onesti circa quello che si è e quello che si prova – perché incoraggia l’intimità, e l’intimità è davvero il cuore di tutto. Essere conosciuto e conoscere qualcuno è una sentimento sorprendente, e non ci arrivi finché fingi di essere qualcun altro”.

Hiddleston ha prestato la voce al Capitano Uncino del film Disney Tinkerbell and the Pirate Fairy (che uscirà questo mese) e ha un cammeo di profondo impatto nel film Muppets Most Wanted. Ma il suo prossimo ruolo da protagonista è un omaggio sia alle donne forti e all’amore. Only Lovers Left Alive è un incantevole, divertente, solenne progetto di Jim Jarmusch nel quale interpreta Adam, un vampiro rockettaro di 500 anni con tendenze suicide. “Adam è un’anima delicata”, dice Tom. Adam è in effetti delicato, ma è anche (e qui salta fuori il dono comico di Tom) dolce e inutile, un musicista recluso che soffre la disperazione di essere eterno (direi immortale, dato che eterno significa non avere né principio, né fine, ndt). Accanto a lui, Tilda Swinton, che a detta di Tom è frivola e ottimista proprio come il suo personaggio, Eve. “E’ la donna più bella del mondo e sembra riuscirle facile. E’ molto, molto affettuosa. Tilda e io ridevamo spesso e Jim arrivava e diceva [con uno stanco accento dell’Ohio]: ‘Taaaam, sorridi tanto, amico. E Adam non sorride così tanto'”. Ha anche amato la purezza della storia d’amore. “Adam è così profondamente imperfetto, depresso e malinconico. Ma Eve lo ama, ama il suo impegno. Abbiamo provato a fare un film sull’accettazione. E il vero amore è accettare l’altro per quello che è”.

elleuk3

Quindi Hiddleston è intelligente, eloquente, affascinante, sensibile e giudizioso. Ma poi c’è l’altro lato, quello spontaneo e sciocco, visto su Youtube, dove è diventato un culto involontario, solo per il fatto che “Non conosco i miei limiti, semplicemente dico si a tutto”.
E’ così che è nata l’intervista su *Alan Carr: Chatty Man*, il che, per la cronaca, era 1) non previsto: “Giuro che non avevo idea di quello che avrei fatto”; e 2) puro Hiddleston-Disco: “Se mi chiedi ora di ballare, farei le stesse mosse. Io ballo così”. Può inoltre essere visto cantare Man in the Mirror di Michael Jackson sulla tv coreana, perché quando il conduttore gli ha chiesto qual è la parte del suo corpo con cui si sente maggiormente a suo agio, Tom ha risposto la sua voce. (E si, era tentato di dire qualcosa di sconcio: “Sono inglese, quindi sono volgare”) Il suo filmato preferito è quello dove insegna al Cookie Monster una lezione di centellinare la gratificazione (delay gratification ndt) (“Mi stai dicendo che se aspetto, riceverò un biscotto?”) “Sono orgoglioso di averlo incontrato. E’ il Cookie Monster, un’icona culturale. Mia mamma lo adora e pure mia nipote. Ha due anni e pensa non ci sia nulla di illogico circa suo zio Tom che parla al Cookie Monster”.
Quindi, quando ci incontriamo per la seconda volta, dopo l’esibizione alla Donmar, sono tentata di vedere se la cosa del *nessun limite* è vera. C’è della birra (il ragazzo sa bere) e una fila di domande che virano dall’assurdo all’inappropriato. Mettiamola così, è molto cortese.

elleuk4Annabel Brog: Dimmi il tuo miglior insulto?
Tom Hiddleston: [ride] Com’è che stiamo facendo il gioco degli insulti?
AB: Vai, posso reggere.
TH: Um. “Sei una completa, completa [enfatizzando], completa testa di ca***” è un bell’insulto.
AB: Mi domandavo se il linguaggio volgare, se detto con eleganza, suoni meno volgare. Il che è vero.
TH: Quando mi arrabbio con me stesso, mi dimentico le battute, dico cose tipo “Sei assolutamente, fot***mente un fot**o caz**ne, chiav** … Tu testa di ca**”.
AB: Dici queste cose a te stesso?
TH: Si
AB: Come ti senti dopo?
TH: Mi sento meglio! La parola fott* è molto soddisfacente.
AB: OK. Adesso ti descrivo il Tom adolescente e tu mi devi dire quando sono precisa.
TH: Va benissimo. Potrebbe esser migliore della verità.
AB: l’adolescente Tom non era a disagio con le ragazze, ma non ne ha sfiorata una per un po’ di tempo. Primo bacio a 16 anni.
TH: NO! [enfatico] Primo bacio a dieci! Si, dieci anni, lingua e tutto. [Ride] Avevo una bella cotta, eravamo nella stessa classe, un sacco di appunti e alla fine siamo finiti in un tendone da cricket in una sera d’autunno. E’ stato molto emozionante.
AB: Mi sono completamente sbagliata
TH: Ero spesso allarmato dagli amici a scuola che non avevano sorelle, dal modo in cui trattavano le ragazze, il modo in cui ne parlavano … Dicevo “Ragazzi, non sono alieni, sono esseri umani.”
AB: Senti storie circa i ragazzi che frequentano Eton, e le fan che fanno la fila al campo di cricket quando giocano …
TH: Non mi ci riconosco affatto. Non ho avuto una relazione seria finché non ho compiuto 19 anni. Mi ero perdutamente innamorato e siamo rimasti insieme per due anni, ed è stata una relazione bellissima. Quindi non so chi fossero quelle ragazze che si mettevano in fila al campo di cricket.
AB: Come ti descriveresti come fidanzato?
TH: Molto onesto, spero. Dio, non lo so. Spero di essere divertente, spero di essere di compagnia. Spontaneo, sorprendente, affezionato? Spero, gentile. Ballerino … ballo molto. Insisto sul concetto. Ovunque, in ogni momento. Più si balla, meglio è.
AB: [Riferendosi ad un incidente l’anno prima in cui Tom, durante un incontro con la stampa con la Swinton, fu fotografato con un paio di pantaloni molto aderenti] Cannes, il *Pantaloni-gate*. Discutiamone.
TH: *Pantaloni-gate*?
AB: Ti prego, dimmi che sai di cosa sto parlando.
TH: Cosa stai … Sinceramente non so di cosa stai parlando. Cannes?
AB: Oddio, davvero?Oh no. Ok, OK, possiamo andare oltre?
TH: [Stridulo] Cos’è il *Pantaloni-gate*? [Si schiarisce la voce] *Pantaloni-gate* …
AB: Forse dovrei cercarlo sull’iPhone e mostrartelo
TH: Ok, mostramelo sull’iPhone
[AB digita “Tom Hiddleston Cannes” su Google Images e gli porge l’iPhone]
TH: [Lentamente] Oh cielo ….
AB: C’è anche un account Tumblr.
TH: Oddio [Ride,ma è inorridito] E’ enormemente imbarazzante! Cosa si dice di una cosa del genere? Cosa devo dire? Devo dare spiegazioni? Non penso di riuscirci.
AB: Vorresti cambiare argomento?
TH: Forse. Si …
AB: OK
TH: [Determinato] Vedi, ho avuto un’episodio molto interessante andando a Cannes. Un aereo a Heatrow ha preso fuoco e hanno chiuso l’intero aeroporto. Non c’erano ticket per gli Eurostar. Tutti i voli da Gatwick erano prenotati. Così sono andato in taxi fino a Dover. Sono salito sul traghetto alle due di notte, in compagnia di gente che beveva e studenti cher erano òì per un tour di hockey; sono arrivato a Calais alle cinque di mattina, un altro taxi fino a Parigi, volo per Nizza, atterrato alle undici e trenta, dogana, altro taxi e poi dritto fino al set di questo servizio fotografico, dove è stata fatta QUELLA foto, dopo essermi cambiato in auto. Quindi credo di avere un bell’aspetto per uno che è stato in piedi tutta la notte.
AB: Hai un aspetto magnifico. [Lunga pausa] E’ un peccato che nessuno ti guardi in faccia.
TH: [Ride] Guardano Tilda! Ecco cosa stanno guardando.

Non riesci a fare un profilo di Tom Hiddleston senza menzionare il suo aspetto. Lui è, di persona, una presenza determinata e imponente. Se lo avete visto nel Coriolanus – furente di orgoglio e tradimento – lo saprete e durante il servizio fotografico per ELLE è molto evidente soprattutto quando corre. Hiddleston corre in maniera aggraziata. Può sembrare un idolo della folla; può parlare come un poeta del 19esimo secolo; ma guardatelo correre è sarete immediatamente consci che è un uomo del 21esimo secolo. Sarebbe bello, suggerisco, vederlo in un ruolo moderno. “Mi piacerebbe molto”, dice. “Sto bussando a quella porta, ad essere onesto”.
Come prevedibile, non ha paura a fare di tutto durante il servizio. Scaglia sedie di plastica attraverso il deposito, scatta già per Scrubs Lane, e spaventa a morte l’intera squadra saltando da una scala di dieci piedi, che avrebbe esso fine alle repliche del Coriolanus se fosse finita male.
Alla fine della giornata, è difficile inquadrarlo. Mi racconta una storia di un viaggio solitario che ha fatto alle Hawaii dopo un provino andato male in quel di Los Angeles.
“Sono andato a fare canoa con le balene, ho corso per l’isola, scalato i vulcani. C’è questa spiaggia dove tutti i surfer vanno a misurarsi, e onde sono alte trenta piedi, e ho conosciuto questo bagnino tramite alcuni giardinieri che avevo incontrato. Stavamo guardando questi surfer ed io ero affascinato, francamente, del loro coraggio e dissi ‘Perché farlo? E’ pericoloso!’. Lui mi ha guardato con questo sorriso meraviglioso e generoso e ha detto ‘Stanno solo cercando la risposta alla stessa domanda che ci facciamo tutti, amico’. E io dissi: ‘Qual è la domanda?’. E lui ha detto: ‘E’ abbastanza?’.”
E’ tutto qui. Tom Hiddleston: grande talento, grande risata, grande pensatore, nessun piano, grande ballerino. Con le sue bellissime frasi, è proprio complicato e contraddittorio come chiunque altro su questo pianeta. Oppure, detto alla nostra maniera più terra, terra: decisamente sexy.

Tradotto da: Valentina Magginelli